L’Iran modifica la legge sull’uso del Bitcoin per le importazioni

L’Iran è diventato il primo Paese al mondo a utilizzare le crittocittà a livello statale per lo scambio di valori.

Il gabinetto iraniano ha modificato la legislazione per reindirizzare le crittografie verso i meccanismi di finanziamento delle importazioni della Banca Centrale dell’Iran, secondo un rapporto di sabato dell’agenzia di stampa ufficiale dell’IRNA.

„I minatori dovrebbero fornire la criptovaluta originale direttamente ed entro il limite autorizzato ai canali introdotti dalla CBI“, ha detto il rapporto della CBI e del Ministero dell’Energia.

Il limite legale per la quantità di criptovaluta per ogni minatore sarebbe determinato dal livello di energia sovvenzionata utilizzata per l’estrazione mineraria e sulla base delle istruzioni pubblicate dal Ministero dell’Energia.

Il denaro iraniano si è drasticamente svalutato con un’inflazione del 34%, una situazione che continua dal 2018.

Il Paese è in preda alle sanzioni statunitensi, per cui non può utilizzare dollari per il commercio internazionale.

Si stanno quindi rivolgendo al bitcoin, il primo Paese a farlo a livello statale, con la famosa volatilità del bitcoin meno considerata perché la situazione è disperata.

L’economia iraniana si è contratta per gran parte dell’anno scorso e quest’anno a circa -10% a trimestre, rendendo questa una depressione.

Tuttavia, dopo alcune sperimentazioni con i cripto-criptatori a partire dal 2018, sembra che l’Iran abbia trovato un caso d’uso sia nella creazione di valore economico attraverso la facilitazione dell’estrazione di cripto-criptatori, sia nell’utilizzo del bitcoin per il commercio internazionale.

Per mesi abbiamo sospettato che questa fosse la loro strategia. Ora è in bianco e nero: L’Iran sta bypassando il dollaro e le altre valute estere utilizzando il bitcoin.